Due medaglie d’oro ai vini della regione del Hrvatsko zagorje

Erschienen in: Croatia,Gastronomy,Turismo
Erschienen am: 17.10.2008

La qualità dei vini croati ha nuovamente trovato conferma nel contesto internazionale. Il produttore vinicolo Boris Drenški e due dei suoi vini, un Chardonnay ed un Reisling renano, prodotti dalle uve coltivate nella regione del Hrvatsko zagorje
(il lembo nord-occidentale della Croazia continentale), hanno recentemente vinto due medaglie d’oro ad un concorso internazionale al quale partecipavano ben 9400 vini provenienti da ogni parte del mondo. Il processo di valutazione della produzione di questo stimato viticoltore di Hum na Sutli è durato più mesi ed ha coinvolto il giudizio d’esperti di diversi settori: enologi, albergatori, ristoratori, proprietari d’enoteche e consumatori. I riconoscimenti ed i premi sono stati assegnati dalla prestigiosa rivista specializzata internazionale “Dekanter”.I due vini da dessert succitati sono entrati nel novero dei 12 migliori vini da dessert del mondo. Le vigne di Boris Drenški si trovano ad un’altitudine media di 300 metri sul livello del mare. Essendo maggiormente esposta alla luce del sole, l’uva presenta un’alta percentuale di zuccheri. La
produzione annuale è di circa 8000 litri di vino d’altissima qualità (Pinot grigio, Chardonnay e Reisling renano).

È bene ricordare che la Croazia è conosciuta nel mondo come terra di vini di qualità. Dal punto di vista della produzione vinicola, la Croazia è tradizionalmente suddivisa in due macroregioni, quella continentale e quella litoranea, in seno alle qualisi contano ben 12 sottoregioni. Nella regione continentale contiamo circa 300 produttori di vini d’origine controllata, mentre nelle aree costiere se ne contano in tutto circa 130. Conosciuti per la loro qualità, sono vini che possiamo scoprire alristorante o in trattoria, nelle cantine o lungo le “Strade del vino” del Paese, luoghi di grande armonia, accoglienti cantine e vini di gran pregio che, col passare del tempo, sono diventati un prodotto turistico che attrae ogni anno un numero sempremaggiore d’estimatori. Presenti nella Croazia continentale e litoranea, sono meta privilegiata in ogni stagione dell’anno.L’autunno e la vendemmia sono, naturalmente, la stagione e l’attività più importanti per ogni estimatore del buon
vino. Ed in autunno, l’undici novembre, giorno dedicato a san Martino ed alla festa del battesimo del mosto che, come per miracolo, si trasforma in vino novello, spicca per importanza in ogni paese della Croazia continentale. Alla festa di San Martino (“Martinje”, da queste parti) sono legati mille usi e costumi locali. Anche quest’anno, la festa di San Martino sarà una ghiotta occasione “turistica” nella quale godere, in compagnia della gente del luogo, di un buon bicchiere di vino e delle delizie della cucina tradizionale. Ve lo garantiamo: nessuno resterà a bocca asciutta!

Source: press.croatia.hr

Alcuni link rilevanti al tema:

Tags: , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

34 queries. 0.426 seconds.
Croatia Blog - 19.05.2012
Powered by Wordpress
theme by evil.bert