Orahovica – Gioiello turistico della Slavonia

Erschienen in: Croatia,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Orahovica è la città del turismo e del vino. Ubicata ai piedi dei monti Krndija e Papuk, per natura incontaminata, ruscelli montani e aria pura è sopranominata “Svizzera della Slavonia”. Grazie alla sua ubicazione, al patrimonio storico culturale e alla natura intatta sembra proprio creata ad hoc per il turismo. I suoi abitanti ne sono consapevoli da diversi anni, e già nel 1905 hanno fondato l'Associazione per abbellire Orahovica (Društvo za poljepšavanje Orahovice).

La città vanta un ricco patrimonio monumentale. È dominata dalla chiesa barocca dell'Esaltazione della Santa Croce, risalente al 1756. Il monastero e la chiesa di S. Nicola, nascosto tra le colline alcuni chilometri a sud dalla città è un esempio straordinario dell'architettura sacrale del Cinquecento. Nel vicino villaggio Crkvari si trova la bellissima chiese di S. Lorenzo risalente al Duecento.

Il monumento storico culturale più conosciuto nella provincia di Orahovica è Ružica grad (Castello di Ružica ), i ruderi dell’antico castello medievale meglio preservati in tutta la Croazia. Fu edificato tra la fine del Trecento e l'inizio del Quattrocento a cinque chilometri dalla città. Ružica grad è un monumento d'interesse nazionale, di straordinario valore sacrale, urbanistico ed architettonico, legato a numerose leggende.

Ai piedi di Ružice grad, a soli 1,5 km dal centro di Orahovica si trova un lago artificiale, circondato dal bosco di alberi frondiferi, la cui superficie è di 1,7 ettari. È stato realizzato nel 1961 con la costruzione dell'argine artificiale. Nei caldi giorni estivi è un posto ideale per rinfrescare l'anima e il corpo.
Source: Croatia.hr

Tags: , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Vinkovci – Luogo di cultura tradizionale, di lingua e di usanze

Erschienen in: Croatia,Cultura,Slavonia,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Gli abitanti di Vinkovci ripetono spesso che “Chi assapora una volta l'atmosfera dell'autunno a Vinkovci, non può fare a meno di ritornarvi!”. Infatti è davvero difficile descrivere tutti gli eventi che in quei dieci giorni autunnali gli abitanti di Vinkovci, instancabili padroni di casa, organizzano per i loro ospiti provenienti da tutte le parti del mondo. Tutta la città, assieme ai suoi visitatori, vive in un'atmosfera coinvolgente di canti e balli. L'Autunno a Vinkovci è una rassegna di folclore che non si occupa solo delle tradizioni della Slavonia, ma anche delle usanze di altre parti della Croazia, il tutto per celebrare la stagione in cui la natura premia il duro lavoro agricolo di tutto un anno.

Quando il ritmo veloce della vita moderna ha cominciato a intaccare gradualmente la Slavonia e quando si è notato il pericolo di poter perdere la tipicità della Slavonia è nato il desiderio di salvaguardare le culture tradizionali di quelle terre. L'idea si è realizzata grazie alle rassegne di folclore tradizionale, prima quello della Slavonia e della Baranja, dopo di che la manifestazione ha oltrepassato i confini regionali cominciando a collegare coloro che amano e rispettano la cultura tradizionale, il lingua e le usanze. Vinkovci, cuore della Šokadija, così diventò il punto di raduno della cultura popolare tradizionale e del modo di vivere, nonché una rassegna tipica che di anno in anno diventa sempre più ricca di nuove manifestazione: scientifiche, turistiche, economiche, sportive e di svago. È così va avanti già da quattro anni. Quest'anno Vinkovci ospiterà gli appassionati della cultura e usanze popolari dal 10 al 19 settembre.
Source: Croatia.hr

Tags: , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Baranja: Il ritorno alla natura e alla tradizione

Erschienen in: Croatia,Slavonia
Erschienen am: 07.09.2009


La tradizione, le ricchezze naturali, la possibilità di una vacanza attiva e una ricca offerta gastronomica sono valori sui quali è fondata l'ospitalità della Baranja, la regione situata nell'est della Croazia. Nella trasformazione della zona in prodotto turistico un ruolo importante è rivestito dalla Comunità agrituristica Bilje plus. Offrendo servizi nel turismo rurale, terapeutico, congressuale, sportivo e di altro tipo, questa comunità ha ospitato, fino ad oggi, circa dieci mila ospiti provenienti soprattutto dall'estero. Accanto a cinque impianti con un totale di circa cinquanta unita ricettive, che i membri di questa comunità hanno destinato all'affitto per i turisti, una grande attenzione è dedicata alla tradizione, alla sana alimentazione e ai contenuti ricreativi. Nel desiderio di creare un prodotto turistico quanto più attraente per gli ospiti, i membri della comunità si appoggiano a ristoranti e aziende agricole assicurando in questo modo un servizio turistico autentico e di qualità.Per l'esplorazione di attrazioni e bellezze naturali del parco naturale e dell'area con importanza ornitologica – Kopacki rit, Bilja e tutta la Baranja ­ il mezzo di trasporto ideale è senza dubbio la bicicletta che i turisti possono noleggiare dai propri locatari. A tutto questo si aggiunge anche la ricca tradizione di questa regione e il benvenuto di cuore che distingue i locali. I complimenti di ospiti che hanno gia visitato questa zona come anche il sempre maggiore interesse di quelli nuovi fa prevedere che Baranja si è assicurata un meraviglioso futuro turistico.
Source: Croatia.hr

Tags: , , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Un villaggio-hotel con soltanto un’ottantina di posti-letto

Erschienen in: Croatia,Cultura,Slavonia,Turismo
Erschienen am: 12.11.2008

Il villaggio eco-etnologico di Stara Kapela sorge ai piedi della Dilj gora, lungo il confine che divide le contee Brodsko-posavska (di Slavonski Brod e della Posavina) e Požeško-slavonska (di Požega e della Slavonia). Unico per la sua singolarissima architettura e per la quiete del suo stile di vita tipicamente rurale, visitandolo avrete l’illusione di trovarvi nel bel mezzo della campagna croata di più di cento anni fa. Senza automobili e lontana dal segnale delle reti di telefonia mobile, Stara Kapela propone una storia diversa dal solito, nella quale non c’è posto per la frenesia e lo stress della vita moderna e dove si convive in armonia con la natura e con i valori della tradizione. Il paesino è stato completamente restaurato in base allo stile e con i materiali tipici dell’area. I lavori di restauro hanno curato ogni dettaglio: mentre ogni casa si presenta nel suo antico splendore, le vie del paese sono state illuminate da lampioni sorretti da pali di legno, ai quali sono stati appesi cartelli che riportano i versi dei più grandi poeti croati.

Grazie all’associazione “Etno-eko selo”, che ha promosso la rinascita di Stara Kapela, s’è provveduto al recupero di tanti mobili d’antiquariato ed antichi utensili ed attrezzi d’uso domestico che rievocano la vita quotidiana dei nostri avi. Il villaggio è stato inoltre dotato di un itinerario da percorrere a piedi o in bicicletta, lungo ben 13 chilometri e con sei aree di sosta. Lungo il percorso sono state realizzate anche quattro repliche delle tipiche torri d’avvistamento d’origine turca, le cosiddette “?ardake”. In ragione delle 120 specie botaniche e delle 80 specie animali censite in questo territorio, lungo il percorso sono stati piazzati cartelli informativi riportanti il nome in croato ed in latino delle varie specie presenti. Il villaggio, oggi, conta soltanto 19 abitanti, ai quali molto presto andranno ad aggiungersi anche alcuni artisti che hanno acquistato
gli antichi poderi abbandonati del paese con l’intenzione di trasformarli in atelier e gallerie d’arte. Il programma di sviluppo di Stara Kapela è legato anche all’apertura di un parco tematico ispirato agli antichi mestieri ed alla realizzazione di un giardino tipicamente rurale con piante e fiori autoctoni. Stara Kapela, inoltre, nutre l’ambizioso sogno di diventare, entro il 2009, un modello di villaggio-hotel con un’ottantina di posti-letto in tutto. Le capacità ricettive attuali si riducono a 14 posti-letto, numero che, entro la fine dell’anno, sarà portato ad una quarantina d’unità. Questo genere d’intervento, teso a riportare Stara Kapela all’antico splendore, richiede tanto tempo e tanti sforzi. I risultati, tuttavia, sono davanti agli occhi di tutti: Stara Kapela è diventata una vera e propria perla turistica distante da Zagabria soltanto 170 chilometri.

Source: press.croatia.hr

 

Alcuni link rilevanti al tema:

Tags: , , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

60 queries. 0.461 seconds.
Croatia Blog - 21.05.2012
Powered by Wordpress
theme by evil.bert