Novi Vinodolski e la sua riviera

Erschienen in: Croatia,Kvarner,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Novi Vinodolski è una bella città turistica, famosa per le belle spiagge di sabbia e di scoglio, il parco secolare, la vegetazione lussureggiante, le ville di campagna e i lussuosi appartamenti, nonché alberghi dove soggiornano turisti da tutto il mondo.

Si trova nella parte centrale del Litorale settentrionale croato. La cittadina si è sviluppata sui resti della fortificazione antica dei Frankopani (Frangipane), chiamata Novigrad e si è dopo ingrandita verso la costa.

L'architettura di Novi Vinodolski è tipica dalmata, caratterizzata da facciate bianche e tetti rossi che si innalzano nel vecchio centro della città che si protende dalla riva del mare fino alla chiesa e la torre sulla collina che sovrastano la città.

Di anno in anno, grazie alla sua bellezza e agli ottimi collegamenti, questa città attira sempre più numerosi turisti. La strada regionale adriatica collega Novi Vinodolski attraverso Rijeka (Fiume) con l'Europa centrale, e da lì parte anche la strada che attraversa alti boschi di conifere di Kapela e in via più breve collega la Croazia continentale attraverso Ogulin con il mare.

La città, abitata dall'antichità, vanta una ricca storia testimoniata da numerosi monumenti storico-culturali tra cui le mura della fortificazione Lopsica, i resti del monastero dei Paolini, il castello con la torre dei Frankopani, la cattedrale, la cappella della SS. Trinità e del S. Marino sull'omonimo isolotto, la casa dei fratelli Mažuranić, il Museo cittadino, gallerie e il nucleo della parte vecchia della città.

Nel centro della città si trova il castello dei Frankopani con la torre quadrata che ospita la moderna Biblioteca cittadina e la sala di lettura, fondata nel 1845.

Novljanski Korzo è una delle più belle vie nel Litorale che con il suo insolito aspetto futuristico e ondulato scaturisce l’interesse tra i turisti e i visitatori. Durante tutto l'anno Korzo è una specie del “salotto” degli abitanti del Novi Vinodolski e numerosi turisti. Vi si trovano numerosi caffè bar con terrazze, piccoli negozi e la passeggiata è abbellita da fiori e filari d'alberi.

Grazie alla vegetazione sempre verde e il clima mite mediterraneo, al mare cristallino e l'aria pura, nel 1878 Novi Vinodolski è stato inserito, subito dopo Opatija (Abbazia), tra i pionieri del turismo nel Litorale croato.

La città vanta il costante e salubre clima mediterraneo caratterizzato dall'inverno mite e piacevole e dall'estate calda e soleggiata, rinfrescata dalla brezza del mare. Nonostante i giorni estivi sono soleggiati, le temperature non sono mai insopportabili perché il vento mite che soffia dalle montagne nel canale di Novi Vinodolski rinfresca l'aria e la trasforma in sanatorio climatico naturale.

L'ospitalità degli abitanti, il mare cristallino, la città e i suoi dintorni senza inquinamento industriale, i flussi dell'aria montana provenienti dai boschi giganteschi nel suo entroterra, adatti ad ogni tipo di caccia, soni i vantaggi nello sviluppo turistico di questo territorio.

Nella zona di Pavlomir, non lontano da Novi Vinodolski sono piantati vigneti per una superficie di 25 ettari, e gli abitanti di Novi Vinodolski vanno fieri del loro vino.

Alberghi classici, moderni villaggi turistici, campeggi, bungalow, appartamenti privati, camere e bed & breakfast possono ospitare più di 10.000 turisti in un giorno. Le strutture alberghiere nelle zone circostanti dispongono di strutture per lo sport e la ricreazione, piscine all'aperto e all'interno con acqua marina, saune e altri servizi complementari.

A Novi Vinodolski è stato costruito uno dei più belli e esclusivi resort della Croazia – Novi Spa Hotels & Resort, che tra gli appartamenti e l'albergo può ospitare circa 1500 ospiti. Il resort dispone di nove piscine, di diversi ristoranti, di una “città” dei bambini, di un garage con cinquecento posti macchina e del più grande centro wellness finora costruito in Europa con oltre 10.000 mq al coperto.

Durante i mesi estivi a Novi Vinodolski si svolgono numerose manifestazioni molto interessanti e gli eventi culturali e di svago dedicati ai turisti.

La darsena turistica del porto con ormeggi per le unità da diporto, distributore del carburante, gru, travel lift, scivolo, parcheggio per le macchine e trailer, posti barca a terra sono a disposizione dei diportisti. Inoltre, viene organizzato il salvataggio in mare e il pronto soccorso.

Questa città è collegata con l'Europa e tutti gli stati del Mediterraneo con la strada regionale adriatica, il treno dalla stazione di Rijeka (Fiume), con l'aereo dall'aeroporto Krk-Rijeka e in fine via mare. L'uscita per Novi Vinodolski della nuova autostrada dista soli 20 km dalla città.

Povile
Paesino litoraneo con soli 200 abitanti dista 2 km da Novi Vinodolski. È situato lungo la strada regionale adriatica e occupa due baie dove sorgono villaggi turistici e tre campeggi. Il mare limpido è adatto per la pesca sportiva e le attività subacquee. Il paesino si presta bene per coloro che sono in cerca della tranquilla atmosfera mediterranea. I servizi di ristorazione sono disponibili nei villaggi turistici oppure nelle trattorie private che offrono una vasta scelta di pesce e di specialità nazionali.

Klenovica – Krmpote
Klenovica si nomina per la prima volta nel Seicento come abitato dei Krmpoćani. Si trova nell'estremità sud est di Novi Vinodolski. Ha circa 400 abitanti di cui gran parte sono conosciuti pescatori. La zona di Klenovica – Krmpote rappresenta il contrasto tra il grigio e aspro massiccio montano e il clima mite mediterraneo. Lungo la costa si protraggono le spiagge naturali e boschetti, e a pochi chilometri verso nord nell'entroterra si estendono pendi coperti di fitti boschi dei monti Kapela e Velebit. Klenovica offre circa 500 posti letto nelle case private, 50 posti letto negli appartamenti della Villa Lostura e circa 2000 posti nei campeggi. Vi si trovano alcuni ottimi ristoranti di pesce con ottima scelta di specialità di mare. Il paesino dispone di porticciolo sicuro, ufficio postale, distributore di carburante e diversi negozi. A ovest da Klenovice si trova l'insenatura Žrnovnica con la sorgente di acqua potabile che fornisce il comune con l'acqua naturale di ottima qualità.

Smokvica – Sibinj
L'abitato, che spicca per la bellezza delle sue spiagge, offre ospitalità nelle case private e nel campeggio ubicato a Sibinj.

Ledenice
Nei secoli Ledenice era la torre di vedetta all'entrata nella vallata di Vinodol. Dista 8 km a nord est da Novi Vinodolski e si estende sull'altipiano erboso. Nel Cinquecento la fortificazione di Ledenice rappresenta un importante riparo del Litorale per la difesa contro i turchi. All'inizio del Settecento l'antico insediamento di Ledenice perde il suo ruolo primario e pian piano viene abbandonato, e il nuovo abitato si sviluppa ai piedi della fortificazione ormai in ruderi. Oggi, Ledenice con i paesini circostanti come D. Zagon, Bater e Breza è interessante località per scampagnate, caccia, ciclismo e trekking.
Source: Croatia.hr

Tags: , , , , , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Isole della Dalmazia settentrionale

Erschienen in: Croatia,Dalmatia,Escursionismo,Isole,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Dugi otok
Dugi otok (Isola Lunga) è un’oasi di rarità e contrasti, di località turistiche e bellezze naturali, di stupendi panorami, di magiche insenature e spiagge nascoste. L'isola è lunga circa 45 km, nella parte meridionale misura circa un 1 km di larghezza, mentre la parte isolana più larga arriva a 4 km. Vi sono 12 abitati collegati tra di loro da strade asfaltate.

Dugi otok è ricco di patrimonio sacrale. Merita di essere menzionata la chiesa di S. Giovanni risalente al V – IV secolo nella cittadina Sali, centro culturale e amministrativo dell'isola, come anche la chiesa di S. Vittore dell’VIII – IX secolo sulla Stivanjska gora e la chiesa di San Pellegrino, monumento dell'interesse nazionale nell'abitato Savar.

La cittadina Sali è conosciuta per la sua pesca tradizionale, ormai millenaria. I giardini e gli oliveti risalenti all'antichità attirano numerosi turisti che si divertono anche nelle indimenticabili gare di asini nell'ambito delle feste L'Estate culturale di Sali e le usanze di Sali, caratteristiche manifestazioni popolari estive.

Zaglav, situato quasi sullo stretto dell'arcipelago di Kornati (Incoronate), è molto interessante per i diportisti. I turisti sono attratti in particolar modo dalle splendide spiagge.

Nella parte nord ovest dell'isola si trova il piccolo porto di Božava. L’azzurro mare cristallino e numerose insenature e baie circondate da pinete rendono Božava un posto ideale per riposo e relax.

Nel 1849 sul promontorio nord ovest di Dugi otok fu costruito il faro Veli rat oppure Punta Bianca, alto quarantadue metri che lo rende il più alto tra i fari sull'Adriatico. Nel faro, ristrutturato di recente a scopo turistico, si possono affittare gli appartamenti.

Dugi otok viene menzionato per la prima volta nella prima metà del X secolo dall'imperatore bizantino Costantino Porfirogenito che nella sua opera De administrando imperio lo indica sotto il nome Pizuh. Durante gli scavi archeologici sono stati rinvenuti i resti risalenti al Paleolitico e Mesolitico che dimostrano che l'isola era da tempo abitata.

Isola di Pašman

L'isola di Pašman, nell'arcipelago zaratino, è divisa dalla terraferma da un canale dove spunta una decina d'isolotti sparsi di qua e di là.

Dall'omonimo abitato di Pašman si gode un magnifico panorama su numerosi isolotti disabitati che bisogna scoprire in barca a vela o a motore. L'abitato era nominato per la prima volta dal re Petar Krešimir IV sotto il nome Postimana.

Ždrelac si sviluppo intorno alla chiesa di S. Luca e di seguito si è esteso sulle colline circostanti e lungo piccole baie. Sorge nella parte estrema dello stretto, da cui prende il nome (in croato ždrijelo), che divide l'isola Pašman dall'isola di Ugljan. Il paesino Ždrelac è molto amato da diportisti e appassionati di sport acquatici, mentre le sue belle spiagge lo rendono ideale per le vacanze spensierate.

Isola di Ugljan
Grazie alla posizione e alle caratteristiche di rilievo, l'isola di Ugljan ha il maggior numero di giorni di sole nel bacino di Zadar (Zara). L'isola ha sette abitati, di cui il più grande è Ugljan nella parte nord ovest dell'isola. È un paesino di lunga tradizione turistica. Il suo porticciolo è adatto per l'ormeggio dei piccoli yacht lungo la parte interna del frangionde, mentre le unità più grandi trovano ancoraggio sicuro nella parte sud est. I bagnanti rimangono incantati dalla bellezza delle sue spiagge, e le più belle si trovano nelle baie Ćinta, Mostir e Luka.

Preko, come dice il suo nome (in italiano di fronte) è il paesino proprio di fronte a Zadar. L'architettura tipica dalmata, numerose case di villeggiatura e le passeggiate lungo la riva del mare creano un’atmosfera tipica mediterranea, mentre la vista mozzafiato sul canale zaratino e la vegetazione lussureggiante attirano ulteriormente i turisti.
Sull'isola di Ugljan sorge anche il paesino Kali, conosciuto soprattutto per la pesca e numerosi pescherecci.

Isola di Silba

Silba è un’isola senza macchine e motocicli. Tutto il trasporto e le consegne vengono fatte con i carrelli a due ruote oppure con i trattori a rimorchio. Non vi sono alberghi, ma si può soggiornare comodamente nelle case private affittando camere oppure appartamenti e i padroni di casa si impegneranno che ogni loro ospite lasci Silba molto soddisfatto. L'isola è anche famosa perché non vi sono né animali né vegetali velenosi.

Isola di Olib
L'isola, situata a est da Silba, era abitata già nel periodo romano e nel X secolo si nomina sotto il nome Aloep. È la più bassa tra le isole dell'arcipelago zaratino. La vegetazione lussureggiante e gli spaziosi prati sono la caratteristica principale dell'isola dove gli abitanti producono ottimo olio d'oliva, formaggi, vino, e si occupano del turismo e della pesca.

Isola di Premuda
L’sola, lunga 9 e larga 1 km, è coperta da lecceti, macchia e oliveti. Premuda è una destinazione turistica molto popolare tra diportisti e subacquei. La cosiddetta “cattedrale”, una serie di grotte sottomarine che affascinano i sub per la straordinaria bellezza, è la località più interessante tra i numerosi siti subacquei.

Isola di Iž
Situato nel canale in mezzo tra Ugljana e Dugi otok, Iž piace per il suo particolare charm. Vi sono due abitati Veli e Mali Iž (Piccola e Grande Iž). Iž è unica isola dalmata dove una volta gli abitanti si occupavano del mestiere del vasaio, oggi invece l'isola è diventata un vero paradiso per i turisti in cerca dell'assoluta tranquillità e l'atmosfera rilassante.
Source: Croatia.hr

Tags: , , , , , , , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Orahovica – Gioiello turistico della Slavonia

Erschienen in: Croatia,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Orahovica è la città del turismo e del vino. Ubicata ai piedi dei monti Krndija e Papuk, per natura incontaminata, ruscelli montani e aria pura è sopranominata “Svizzera della Slavonia”. Grazie alla sua ubicazione, al patrimonio storico culturale e alla natura intatta sembra proprio creata ad hoc per il turismo. I suoi abitanti ne sono consapevoli da diversi anni, e già nel 1905 hanno fondato l'Associazione per abbellire Orahovica (Društvo za poljepšavanje Orahovice).

La città vanta un ricco patrimonio monumentale. È dominata dalla chiesa barocca dell'Esaltazione della Santa Croce, risalente al 1756. Il monastero e la chiesa di S. Nicola, nascosto tra le colline alcuni chilometri a sud dalla città è un esempio straordinario dell'architettura sacrale del Cinquecento. Nel vicino villaggio Crkvari si trova la bellissima chiese di S. Lorenzo risalente al Duecento.

Il monumento storico culturale più conosciuto nella provincia di Orahovica è Ružica grad (Castello di Ružica ), i ruderi dell’antico castello medievale meglio preservati in tutta la Croazia. Fu edificato tra la fine del Trecento e l'inizio del Quattrocento a cinque chilometri dalla città. Ružica grad è un monumento d'interesse nazionale, di straordinario valore sacrale, urbanistico ed architettonico, legato a numerose leggende.

Ai piedi di Ružice grad, a soli 1,5 km dal centro di Orahovica si trova un lago artificiale, circondato dal bosco di alberi frondiferi, la cui superficie è di 1,7 ettari. È stato realizzato nel 1961 con la costruzione dell'argine artificiale. Nei caldi giorni estivi è un posto ideale per rinfrescare l'anima e il corpo.
Source: Croatia.hr

Tags: , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Kopački rit – Natura incontaminata a pochi passi dal chiasso cittadino

Erschienen in: Croatia,Parco naturale,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Il Parco naturale di Kopački rit si stende su una superficie di 23.230 ettari, solo pochi chilometri da Osijek. Si tratta di un territorio unico nell'Europa perché ospita la più grande zona di fregola di numerose specie ittiche, habitat naturale dei caprioli, i famosi cervi di Belje, castori, lontre, cinghiali e selvaggina pennuta, un vero e proprio paradiso ornitologico. Nel Kopački rit ci sono 293 tipi di uccelli, il che rappresenta 78 per cento del totale ornitofauna della Croazia. Vi sono anche 44 specie di pesce e più di duemila organismi biologici, tra cui numerosi rarissimi a livello mondiale o in via d'estinzione. Una singolarità del parco sono gli uccelli che nidificano in colonie piuttosto numerose, nonché le rarissime specie in via d'estinzione come la cicogna nera e l'aquila di mare.

Il Kopački rit è un “laboratorio” naturale di valore inestimabile che di anno in anno attira sempre più visitatori che trovano a loro disposizioni i sentieri educativi per passeggiate lunghe diversi chilometri, dotati di numerosi punti info con le fotografie e le informazioni fondamentali sulle più importanti specie vegetali e animali presenti nel parco.

Si tratta di una naturale area paludosa di grande valore, una delle rarissime oasi nell'Europa, che rappresenta un esempio straordinario del principio e dell'evoluzione dell'ecosistema paludoso e le aree alluvionali. Nel 1967 il Kopački rit è stato protetto sotto la forma della riserva naturale con lo scopo di salvaguardare il suo ecosistema, la grande diversità biologica e il valore ecologico della palude. Nove anni più tardi una parte ristretta della riserva di 7700 ettari ha ottenuto lo stato della riserva zoologica speciale, mentre la parte restante è proclamata parco naturale. L'importanza internazionale del Kopački rit trova la conferma nel 1989 quando l’area viene inserita tra le importanti zone ornitologiche e di seguito nel 1993 ottenne lo stato di Zona umida d'importanza internazionale.

Nel cuore del Parco naturale si trova il castello Tikveš, un interessante complesso abitativo dove è possibile affittare stanze.
Source: Croatia.hr

Tags: , , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Poreč – La Valamar tra i 100 migliori alberghi

Erschienen in: Croatia,Istria,Notizie,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Gli all-inclusive hotels parenzani Valamar Club Tamaris e Valamar Tamaris Residence della società alberghiera Valamar S.p.A. sono stati insigniti dal premio TUI Holly 2010, il riconoscimento più prestigioso assegnato da TUI, uno dei più importanti tour operatori internazionali. Così gli alberghi Valamar sono stati classificati tra i cento migliori alberghi del mondo dove soggiornano i clienti TUI. Il riconoscimento TUI è stato istituito nel 1994 e viene assegnato basandosi esclusivamente all'apprezzamento espresso dagli ospiti nell'arco di un anno. Quest'anno erano ammessi al concorso 905 alberghi di tutto il mondo, i quali per essere nominati dovevano raccogliere almeno 35 giudizi positivi assegnati al rientro delle vacanze dai loro ospiti. La TUI è una delle maggiori società turistiche (tour operatore e vettore) con sede a Hannover in Germania.
Source: Croatia.hr

Tags: , , , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Zagreb – Premio al film “Avvento a Zagreb”

Erschienen in: Croatia,Cultura,Zagabria
Erschienen am: 14.09.2010

Al 46° International Tourfilm Festival (Festival Internazionale del Film Turistico) tenutosi a Lecce nella regione Puglia, il promo film “Avvento a Zagabria” dell'Ente per la promozione turistica della Città di Zagreb, ha ottenuto il primo premio nella categoria per lo spot turistico.

In tutto erano nominati 300 film provenienti da 60 paesi da ogni parte del mondo, suddivisi in dieci categorie. La Croazia era presente in tutte le categorie, con 14 film ammessi al concorso, e l'unico premio per la Croazia è stato vinto dal film di Zagreb.

Il Tourfilm festival è stato istituito nel lontano 1962 e il noto giornalista Antonio Conte di Roma (pugliese di nascita) è suo fondatore e svolgeva il ruolo di presidente fino a questa edizione (da quest'anno il presidente onorario). Il festival si è svolto in collaborazione con la FIJET (Federazione internazionale dei giornalisti del turismo) e il Club Europeo per il turismo della Provincia e del Comune di Lecce sotto alto patrocinio dell'ENIT (Agenzia Nazionale per il Turismo).
Source: Croatia.hr

Tags: , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Varaždin – Una città barocca

Erschienen in: Croatia,Cultura,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Durante tutta la sua storia, la città di Varaždin era conosciuta come centro della vita culturale e mondana della Croazia. Il Settecento segna una svolta nella vita culturale cittadina. In quel periodo la città fa enormi progressi, dal 1755 al 1776 svolge il ruolo della capitale croata, e sotto l'influenza di tutti gli sfarzi del barocco, che affascinano anche l'elite nobile, diventa il centro di balli sfrenati e di vita lussuosa dell'aristocrazia. In onore del barocco e il suo sfarzo, che ha lasciato un’impronta significativa nelle città, da cui epiteto “la piccola Vienna”, tutti gli anni a Varaždin si svolge tradizionalmente il festival di musica barocca.

Ogni settembre e ottobre le Serate barocce di Varaždin riportano indietro le lancette del tempo, nel periodo quando si poteva sentire l’indescrivibile creato musicale nei lussuosi palazzi e fare testimonianza ai balli graziosi e vicende culturali.

Il festival è stato istituito già nel 1970 e con il passar del tempo si è affermato in una manifestazione culturale riconoscibile, famosa in tutta la Croazia e nell'Europa.

Il festival è diventato una parte importante dell'offerta turistica di Varaždin, promovendo la gloriosa storia cittadina non solo con la musica ma anche con la ricca architettura barocca. Le chiese e i palazzi in stile barocco, la Città Vecchia sono la parte essenziale di Varaždin e senza di essi la città perderebbe la sua identità.

Le Serate barocche portano ogni anno nella città numerosi musicisti di fama mondiale, orchestra e gruppi musicali. Questo festival è un'esperienza che non si può descrivere ma si deve vivere. I concerti riportano il pubblico indietro di un paio di secoli, al tempo in cui la musica era un'arte estetizzante e curata nei minimi particolari. Tanti concerti di rinomati ensemble nazionali e internazionali avvolgono la città barocca di una romantica atmosfera, ma importanti anche da un punto di vista musicale perché il programma assume spesso un carattere straordinario, grazie soprattutto alla rappresentazione d'opere sconosciute o mai eseguite in pubblico. Con opere inedite e interpretazioni moderne d'opere note, le Serate barocche, con il loro approccio inedito alla musica barocca, ogni anno riportano un gran successo.
Source: Croatia.hr

Tags: , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Jezera, isola di Murter – Big Game Fishing

Erschienen in: Croatia,Dalmatia,Sport,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

I migliori pescatori del mondo si radunano a settembre a Jezera, piccolo villaggio di pescatori sull'isola Murter della Dalmazia centrale, desiderosi di pescare pesci di “grossa taglia” durante l’evento dell’anno Big Game Fishing. Tirare fuori i pesci grossi potrebbe durare ore e ore, e la pesca potrebbe a volte dimostrarsi imprevedibile. Pescare, lottare, dominare e tirare fuori pesci che potrebbero pesare anche diverse centinaia di chili, come oltre al tonno azzurro, la tonnina, il pesce spada e il tonno albacore, il quale è molto esigente e richiede al pescatore forza, pazienza e preparazione. Si tratta di uno sport incerto e imprevedibile fino alla fine, che rivela le nuove sfide e dove si distingue il lavoro di squadra e lo spirito competitivo.

Si tratta della più grande gara europea che si organizza verso la fine dell'estate quando comincia la stagione migliore per la pesca d’altura ai tonni ed altri grandi predatori del mare aperto. Si svolge nella zona ricca di pesce nei pressi di Blitvenica, Žirje e Kornati (Incoronate), e la 12° edizione di quest'anno inizierà il 19 settembre.

Il Big Game Fishing è diventato un evento prestigioso dove i più “visti” pescatori d’altura desiderano partecipare. Grazie a qusta gara Jezera, piccolo villaggio di pescatori situato sulla costa sud est dell'isola di Murter, la più grande isola nell'arcipelago di Šibenik, è diventato famoso nel mondo. L'isola è interessante anche grazie alla sua ubicazione vicino alla costa raggiungibile dal ponte, lungo una trentina di metri. Il villaggio di Jezara, circondato dalle colline docili, è ubicato in fonda all'insenatura a ferro di cavallo. Grazia a tale ubicazione l'abitato non è esposto alle raffiche di venti forti e perciò l'insenatura si presta come approdo sicuro e ancoraggio ideale. Non lontano dall'isoala si trovano due parchi nazionali: Kornati e Krka.

Secondo i primi documenti scritti, Jezera risale dal 1298, ma l'abitato è sicuramente più antico visto che nelle vicinanze, nella baia di Podjasenovac, sono stati rinvenuti nel 1938 due tombe della tribù illirica dei Liburni risalenti al periodo pre – antico. Gli abitanti di Jezera si distinguono per loro costumi tradizionali, usanze, canti e balli che nei mesi estivi turisti possono conoscere grazie agli eventi culturali, sportivi e di svago che si svolgono sotto un unico nome: Le giornate del mare. Ma anche, durante il Big Game Fishing i visitatori e partecipanti non saranno “risparmiati” da numerose manifestazioni interessanti che accompagnano l’evento cruciale.
Source: Croatia.hr

Tags: , , , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Vinkovci – Luogo di cultura tradizionale, di lingua e di usanze

Erschienen in: Croatia,Cultura,Slavonia,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Gli abitanti di Vinkovci ripetono spesso che “Chi assapora una volta l'atmosfera dell'autunno a Vinkovci, non può fare a meno di ritornarvi!”. Infatti è davvero difficile descrivere tutti gli eventi che in quei dieci giorni autunnali gli abitanti di Vinkovci, instancabili padroni di casa, organizzano per i loro ospiti provenienti da tutte le parti del mondo. Tutta la città, assieme ai suoi visitatori, vive in un'atmosfera coinvolgente di canti e balli. L'Autunno a Vinkovci è una rassegna di folclore che non si occupa solo delle tradizioni della Slavonia, ma anche delle usanze di altre parti della Croazia, il tutto per celebrare la stagione in cui la natura premia il duro lavoro agricolo di tutto un anno.

Quando il ritmo veloce della vita moderna ha cominciato a intaccare gradualmente la Slavonia e quando si è notato il pericolo di poter perdere la tipicità della Slavonia è nato il desiderio di salvaguardare le culture tradizionali di quelle terre. L'idea si è realizzata grazie alle rassegne di folclore tradizionale, prima quello della Slavonia e della Baranja, dopo di che la manifestazione ha oltrepassato i confini regionali cominciando a collegare coloro che amano e rispettano la cultura tradizionale, il lingua e le usanze. Vinkovci, cuore della Šokadija, così diventò il punto di raduno della cultura popolare tradizionale e del modo di vivere, nonché una rassegna tipica che di anno in anno diventa sempre più ricca di nuove manifestazione: scientifiche, turistiche, economiche, sportive e di svago. È così va avanti già da quattro anni. Quest'anno Vinkovci ospiterà gli appassionati della cultura e usanze popolari dal 10 al 19 settembre.
Source: Croatia.hr

Tags: , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

Lepoglava – Festival internazionale del merletto

Erschienen in: Croatia,Cultura,Turismo
Erschienen am: 14.09.2010

Pare che siano stati i Paolini a introdurre, alcuni secoli fa, il merletto nelle nostre terre. Riconoscendone la bellezza, le popolazioni rurali di allora lo integrarono nella tradizione locale, salvaguardandone la delicata fattura sino ai nostri giorni. È stato accolto in modo particolare nella città di Lepoglava dove si trovava il convento dei Paolini. Gli abitanti della zona di Lepoglava, talmente fieri della propria maestria nella lavorazione del tessuto, che a settembre di ogni anno vi organizzano il Festival internazionale del merletto, un appuntamento che promuove il merletto come la parte integrante del loro patrimonio etnografico. Al festival che quest'anno si terrà dal 16 al 19 settembre sarà possibile vedere le ricche lavorazioni provenienti da altri paesi europei, anche se i visitatori sono attratti in particolar modo dalla lavorazione nazionale proveniente dai centri di merletteria croata, accanto a Lepoglava vi ci saranno Pag (Pago), Sv. Marija e Hvar (Lesina).

Il merletto di Lepoglava raggiunse il suo vero apice verso la fine dell'Ottocento e all'inizio del Novecento quando cominciò la produzione, organizzarono corsi, workshop e fu aperta la scuola di merletto. La maestria nella lavorazione divenne una fonte stabile di guadagno extra poiché i merletti si vendevano bene alle fiere, alle sagre e nelle mostre, sia a Zagreb che per tutta l'Europa.

Il merletto di Lepoglava ha vinto tanti premi nelle mostre internazionali. A Patrigi nel 1937 ottenne la medaglia d'oro, a Berlino nel 1938 la medaglia di bronzo. Era il periodo della fiorente della merletteria di Lapoglava.

Lepoglava è una cittadina ubicata nel docile paesaggio dello Zagorje, ai piedi della Ivanščica, non lontano dalle due autostrade europee, Zagreb – Vienna e Zagreb – Budapest. Nel 1683 vi era fondato il primo ginnasio pubblico e la prima università della Croazia con diritto di consegnare il titolo accademico. La chiesa parrocchiale, il monastero e le cappelle nei dintorni affrescate dal famoso paolino Ivan Ranger, sono i monumenti in stile barocco conosciuti in tutto il paese.
Source: Croatia.hr

Tags: , ,

Alcuni link rilevanti al tema:

67 queries. 2.316 seconds.
Croatia Blog - 24.10.2012
Powered by Wordpress
theme by evil.bert